Rabbia e orgoglio
Home News Rabbia e orgoglio

Rabbia e orgoglio


Il Fossolo Femminile di mister Monciatta cade in casa 1-3 contro Saline Romagna, dopo una partita combattuta fino all’ultimo: vantaggio ospite al ventesimo, Spazzoli però risponde colpo su colpo concretizzando un bel filtrante di Meggiolaro.

Le ragazze gialloblù avrebbero anche l’occasione di passare in vantaggio con Cardi, ma il suo tiro finisce sul palo; primo tempo sull’1-1, poi nella ripresa passano le romagnole: a metà del secondo tempo l’1-2, il Fossolo prova a rispondere con tutti i mezzi a disposizione, ma nel finale da calcio d’angolo arriva la rete che sugella la vittoria ospite.

“Avevamo molte giocatrici fuori causa infortunio” ha detto a fine partita la capitana Nicole Canfora “nonostante questo abbiamo iniziato con la giusta carica, rispondendo colpo su colpo alle avversarie: in generale non dobbiamo demoralizzarci, e continuare su questa strada”. Da sottolineare inoltre “la prestazione del portiere Romiti, che grazie alle sue numerose uscite in area ha salvato la porta in diverse occasioni”.

E dell’unità di questo gruppo, ha dato dimostrazione anche Sara Greco, che pur rimasta in panchina ha voluto mandare questo messaggio alle compagne.

“Devo dire che mi avete smosso dentro ieri, vedevo la guerra che stava combattendo ognuna di voi, il sangue e l’energia di ogni azione. Perché volevate vincere, volevamo vincere. La fotta che non si insegna. La fotta che mi ribolliva dentro a guardarvi. Volevo dirvi che a fine partita sorridevo come se avessi giocato novanta minuti anch’io, come se avessi vissuto io stessa sulle mie gambe la fatica di dover ignorare i dolori…so che non avrei potuto fare meglio di tutte quelle undici che sono partite e di quelle sono entrate. Quindi sono fiera della mia squadra, fiera del Fossolo di cui faccio parte, fiera delle mie compagne in campo, delle mie compagne in panchina che guardavo e vedevo l’ansia che vivevamo insieme. Siamo davvero tanta roba. FORZA FOSSOLO!!”

 

 


Share the news!